blog acquari – consigli utili per l'allestimento dei migliori biotipi.

LA MALATTIA DEL VELLUTO

LA MALATTIA DEL VELLUTO

L’agente responsabile di questa malattia, il cui segno caratteristico è l’aspetto vellutato della cute, è un protozoo dinoflagellato (Oodinium pillularis) che si insedia nelle branchie ma anche nell’intestino dei pesci.

Una volta maturo, libera le forme flagellate infettanti che devono trovare un ospite entro ventiquattr’ore. Il corrispondente in acqua marina è Amylodinium ocellatum (ex Oodinium ocellatum).

Sintomi utili alla diagnosi:

-Presenza di puntini bianchi sulle branchie, sulla pelle e sulle pinne (facilmente distinguibili da quelli provocati da Ictioftiriasi perchè più piccoli e più numerosi)

-Presenza di una patina giallastra sulla superficie del corpo del pesce, dovuta alla iperproduzione di muco del pesce (da ciò derivano i nomi attribuiti a questa malattia) più facilmente visibile se osserviamo l’animali in controluce.

-Dispnea, ovvero difficoltà respiratorie, dovute alla distruzione dell’epitelio branchiale da parte del parassita che ne riduce la superficie utile agli scambi gassosi.

Trattamento:

Deve essere tempestivo, in quanto pur non essendo una malattia che porta subito a morte, debilita pesantemente l’animale diminuendo così la capacità di rispondere al trattamento.

Aumentare la temperatura fino a 28-29°C (sempre gradualmente, 1-1.5°C al giorno), in questo modo si velocizza il ciclo del parassita.

D. Untergasser riporta che mantenere la temperatura sui 33-34°C riduce sensibilmente l’infestazione, tuttavia non tutti i pesci riescono a tollerare queste temperature.

Bagni prolungati in soluzione di acqua e NaCl (sale da cucina) in concentrazione di 1gr per litro d’acqua.

Trattamento con solfato di rame che però si è dimostrato essere tossico in acqua tenera e acida.

Medicinali specifici contro oodinium.

Il trattamento deve durare circa una settimana, per essere sicuri di colpire il parassita in tutti i suoi stadi ed evitare così la ricomparsa della malattia dopo pochi giorni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...